Imbiancare casa: una guida utile per tinteggiare le pareti

Imbiancare le pareti di casa è un lavoro faticoso e non semplice. Ecco una guida utile sui passi da compiere per tinteggiarle al meglio

Imbiancare le pareti della propria casa non è un’attività difficile se si seguono degli accorgimenti. Dalla misurazione delle pareti, passando per la scelta degli accessori fino all’inizio della tinteggiatura: ecco una guida utile per imbiancare le pareti di casa.

Misurate le pareti

La prima cosa da fare è prendere le misure delle pareti della stanza che volete ritinteggiare. Appuntatele in un foglio per comunicarle al negoziante che vi aiuterà nella scelta degli strumenti e dei colori. In particolare occorre prendere le misure della larghezza e dell’altezza dei muri ma anche dei pavimenti, in modo da avere la dimensione corrispondente del soffitto. Misurate anche i corridoi e le rientranze.

Scegliete le vernici giuste

Il segreto è affidarsi al negoziante che è il vero esperto. Tenete, comunque, in considerazione l’esistenza di vernici traspiranti e lavabili. Le prime rappresentano una soluzione antimuffa in quanto permettono alle pareti di essere permeabili all’aria. Le seconde, invece, sono più adatte alle pareti della cucina che, a causa della preparazione dei cibi, tendono a sporcarsi più facilmente delle altre. In ogni caso, sarà il negoziante a consigliarvi la giusta tipologia di colore per l’ambiente da ritinteggiare.

Acquistate gli accessori per imbiancare

Affidatevi a dei pennelli che non perdano le proprie setole durante il lavoro di tinteggiatura. Risparmierete soldi e fatica. Oltre ai classici pennelli di misura media, procuratevi pennelli piccoli per rifinire gli angoli e effettuare eventuali ritocchi quando le pareti saranno asciutte. Vi torneranno utili anche i pennelli curvi, fondamentali sia per gli angoli che per tinteggiare il retro dei termosifoni. Non dimenticate di acquistare un rullo per poter imbiancare il tetto, una scala e dei secchielli di dimensioni medie e piccole. Inoltre, è fondamentale avere a disposizione dei materiali che vi permetteranno di riparare eventuali fori presenti sulle pareti: stucco o malta, cazzuola per applicarle, frattazzo per una stesura omogenea dello stucco e carta abrasiva per levigarlo.

Proteggete i mobili, il pavimento e voi stessi

Quando arriva il momento di imbiancare, il pericolo di sporcare i mobili e il pavimento è in agguato. Per evitarlo basterà acquistare degli accessori che vi permetteranno di proteggerli. Prima di tutto, però, spostate i mobili al centro della stanza. Almeno quelli più leggeri. Per gli armadi, invece, basterà che li stacchiate dalla parete al fine di creare un passaggio che vi permetterà di imbiancare il muro. Procuratevi, poi, dei nastri di carta adesiva, dei teli in nylon e anche delle lenzuola vecchie o delle tovaglie per coprire i mobili, dei fogli di cartone e degli straccetti per pulire le sbavature che si verificano mentre state dando le vostre pennellate di colore alle vostre pareti.

Inoltre, proteggete voi stessi indossando guanti aderenti, vestiti da lavoro o da casa che non utilizzerete più alla fine del lavoro di tinteggiatura, dei copriscarpe, un cappellino e, se avete i capelli lunghi, fate una bella coda. Infine, tenete sempre vicino a voi un secchio con dell’acqua che potrà sempre tornarvi utile.

Optate per il colore appropriato

La scelta dei colori è legata ai propri gusti e alle proprie preferenze. Tuttavia, esiste una guida implicita da seguire per un’appropriata scelta dei colori. Le tonalità chiare sono indicate come quelle adatte agli spazi ristretti, mentre per gli ambienti grandi si può giocare con gli effetti. Infatti, è possibile creare degli effetti cromatici particolari. Ad esempio, potrete dipingere la parete più grande di un colore molto forte e le altre 3 di uno più chiaro, oppure ancora potrete dipingerne 2 di una tonalità e le altre 2 della tonalità complementare all’altra già scelta. Inoltre, esistono una serie di effetti facilmente realizzabili e adatti ad impreziosire le vostre pareti. Ne sono esempi l’effetto spugna, realizzabile con una semplice spugna impregnata di un colore diverso rispetto a quello della parete su cui si vuole creare l’effetto, ma anche degli stencil o dei disegni fatti a mano.

Riparate fori e crepe

Prima di iniziare ad imbiancare le pareti, dovrete riparare i fori e le crepe presenti sui muri. Prendete, quindi, lo stucco o la malta e inumiditeli. Estraete i chiodi dai muri, se sono presenti, e stendete lo stucco sui fori. Lasciate essiccare e il gioco è fatto.

Iniziate ad imbiancare partendo dalle zone difficili

Ora sarete pronti per iniziare l’avventura. Imbiancare le pareti non è un lavoro semplice e, per facilitarlo, gli esperti consigliano di iniziare partendo dalla tinteggiatura delle zone più difficili. Dunque, partite imbiancando gli angoli, sia tra le pareti che tra le pareti ed il soffitto. I pennelli piccoli e curvi fanno al caso vostro. Proseguite con il fastidioso retro del termosifone e con i contorni di porte e finestre. Ma non solo. Concentratevi anche sul battiscopa e sui contorni delle plafoniere. Fate tutto in maniera ordinata. Quindi intingete il pennello nella vernice e pulitelo a bordo del secchio, senza dimenticare di individuare una zona dove concentrerete tutti gli strumenti e i materiali che vi serviranno.  Per le zone più facili, invece, utilizzate un pennello largo e piatto o, in alternativa, un rullo. Infine, ricordate sempre di stendere la vernice seguendo entrambi i sensi allo scopo di ottenere un colore uniforme.

Sfruttate le ore di luce

Programmate l’attività di tinteggiatura. Dividere la giornata lavorativa in 2 turni sarà molto utile. Sfruttate le ore di luce naturale del mattino e del pomeriggio. La pausa che intercorrerà tra le 2 fasi permetterà alla pareti di asciugarsi ed essere, così, pronte per una seconda mano di colore. Inoltre, voi avrete modo di riposarvi e riprendere le energie per affrontare il lavoro del pomeriggio.

Aggiungi un commento