I 10 alimenti che il tuo cane non dovrebbe mai mangiare

Gli alimenti che fanno male al tuo cane

I nostri fidati animaletti domestici sono veramente dei golosoni. È piuttosto comune che durante un pasto, o anche solo uno spuntino, ci ritroviamo il cane a scodinzolare e a guardarci con occhi speranzosi. Eppure esistono alimenti che un cane non dovrebbe mangiar emai.

Ancora più comune è credere che dargli da mangiare una cosa o l’altra cosa non possa poi fargli tanto male. Eppure, molti dei nostri alimenti non sono affatto salutari per gli animali, seppur non sembrino in un primo momento causargli alcun tipo di problema. Sarebbe opportuno stare molto attenti a cosa scegliamo di dare da mangiare al nostro cane, preferendo delle soluzioni commerciali oppure alimenti con caratteristiche e lavorazioni differenti da quelli che andremo a vedere.

Credere che il nostro migliore amico a 4 zampe possa digerire e smaltire qualsiasi tipo di alimento solamente perché ci viene chiesto e viene mangiato di buon grado, sarebbe sbagliato. Gli animali non sono, infatti, in grado di distinguere in ogni occasione cosa possa fargli male, soprattutto quando i cibi prevedono delle lavorazioni particolarmente elaborate.

Scopriamo assieme 10 degli alimenti che il nostro cane non dovrebbe mai mangiare:

1) Noci

Le noci potrebbero essere un alimento veramente apprezzato. Ciò che però spesso ignoriamo è che potrebbero contenere un fungo, assolutamente velenoso per il cane ma del tutto innocuo per noi.

Questo potrebbe addirittura portarli alla morte. Parlando delle noci di macadamia, il discorso cambia poco. Questa variante contiene una tossina, nuovamente innocua per noi, che potrebbe causargli debolezza, tremori, febbre e, nel peggiore dei casi, paralisi.

noci

2) Aglio e cipolla

Magari, mentre siamo intenti a preparare la cena per noi o la nostra famiglia, potremmo essere tentati di placare le insistenze e voracità del cane dandogli gli scarti ricavati dalla lavorazione di aglio e cipolla. Similmente a come avviene per i gatti, e la maggior parte degli animali, entrambi questi alimenti potrebbero provocargli un’insufficienza di globuli rossi, danneggiati da alcune sostanze presenti al loro interno.

Non è tutto, perché un’assunzione regolare di questi alimenti, per diverso tempo, potrebbe portarli facilmente a sviluppare anemia emolitica (ovvero un danneggiamento irreparabile della produzione dei globuli).

cipolla

3) Gelato

Chi non ha mai visto qualcuno offrire un po’ del suo gelato al cane? Il gelato, però, potrebbe portare il cane a sviluppare diversi tipi di problematiche. Innanzitutto, il cane potrebbe soffrire di intolleranza al lattosio e potremmo non esserne a conoscenza. Le conseguenze sono più o meno le stesse provocate a noi, ma molto più accentuate a causa delle dimensioni ridotte del loro stomaco.

Potremmo quindi pensare che se optiamo per del gelato senza lattosio il problema sia scampato. Sbaglieremmo nuovamente, se non è il lattosio a fargli male è la grande quantità di zuccheri che contiene, assolutamente dannosa per l’animale.

gelato

4) Avocado

L’avocado, ricco di effetti benefici per l’uomo, non è salutare per il nostro cane. Questo alimento, tra le altre cose, contiene la tossina persin. Questa ha azione fungicida, innocua per il nostro intestino, che potrebbe causare al nostro amico a quattro zampe gravi problemi digestivi, ma anche vomito, diarrea e occlusione intestinale.

Analogamente, ogni pietanza che contiene questo frutto andrebbe evitata, come la salsa guacamole.

avocado

5) Insaccati

Quasi sicuramente nessun cane si tirerebbe indietro dal mangiare qualsiasi tipo di insaccato, se gli venisse offerto. Commetteremmo, però, un grave errore. Gli insaccati, infatti, che si tratti di salame o salsiccia, ma anche mortadella, contengono una grande quantità di sali e grassi. Inoltre, spesso si ignora che la “pelle” degli insaccati potrebbe essere plastica, piuttosto che budello. Questi alimenti potrebbero portarli a sviluppare una infezione da toxoplasmosi, spesso grave e, soprattutto, contagiosa anche per l’uomo attraverso il contatto con l’animale.

salame

6) Grassi e sali

Come detto poco fa, grassi e sali potrebbero portare gravi problemi al cane. Innanzitutto, va detto che la dieta di un cane dovrebbe includere modiche quantità di grassi, che aiutano l’assunzione di alcune vitamine e contribuiscono a mantenere morbidi pelo e cuscinetti delle zampe. Un eccesso, al contrario, non verrebbe correttamente digerito e potrebbe portare allo sviluppo di pancreatite. Il sale, invece, se eccessivamente presente negli alimenti potrebbe portarli al coma e addirittura alla morte. I salatini, o gli snack comunemente usati negli aperitivi, e le patatine in busta potrebbero essere considerati quasi come un veleno per loro.

grasso

7) Cioccolato

Il cioccolato può essere veramente rischioso per i nostri amici pelosi. Contiene, soprattutto se fondente, grandi quantità di una sostanza chiamata teobromina. Questa sostanza, presente soprattutto nel cacao, potrebbe facilmente portarli a convulsioni, attacchi cardiaci, emorragia interna e, nel caso peggiore, morte. Similmente, anche il cioccolato al latte può essere fatale, sia per il contenuto di teobromina che per quello di lattosio e zucchero. Basti considerare che per intossicare fatalmente un cane di piccola taglia bastano appena 50 grammi di cioccolato fondente.

cioccolato

8) Zucchero, dolciumi e caramelle

Sarebbe sempre meglio evitare di dare da magiare al cane qualsiasi cibo eccessivamente zuccherato, soprattutto se si tratta di dolci, caramelle o merendine.

Un’eccessiva assunzione di zuccheri potrebbe portare il nostro amico peloso a sviluppare problemi ai denti, fino a diventare diabetico o sovrappeso. Le merendine, oltre agli zuccheri, potrebbero contenere lattosio con le stesse conseguenze che abbiamo già visto. Discorso diverso per le caramelle, invece, che contengono xilitolo, utilizzato come dolcificante. Questo potrebbe essere tossico per il cane, portandolo a sviluppare sintomi come depressione del sistema nervoso, perdita del coordinamento e spasmi, già mezz’ora dopo l’ingestione.

dolciumi

9) Uova

Per le uova il discorso si complica leggermente, e le idee in merito sono confuse.

Le uova cotte, infatti, contengono grandi quantità di biotina, responsabile della crescita del pelo, e assolutamente non dannosa per l’animale. Mentre, completamente diverso sarebbe il discorso se stessimo parlando delle uova crude. In questa forma, infatti, nell’albume è contenuta una proteina inibitrice della biotina, che ne potrebbe sopprimere la produzione e l’assunzione da parte dell’organismo. Il rischio è di sviluppare una forma di salmonella.

uova

10) Ossa

Chi non ha bene in mente l’immagine di un cane intento a rosicchiare un osso? Penso nessuno, e infatti sarebbe difficile convincerci che le ossa possono fare male al cane.

Al punto che molti di loro riescono anche a sgranocchiarle completamente e ingoiarle, apparentemente senza grossi problemi. Però non sempre va così, e sarebbe meglio evitare di dare al cane ossicini troppo piccoli, come quelli del pollo o del coniglio. Potrebbero finire per causargli problemi nella digestione e respirazione, arrivando perfino a lesionargli l’apparato digerente o strozzarli. Vale lo stesso anche con i semi e i noccioli dei frutti.

ossa

Purtroppo la lista non finisce qui. Così come molti alimenti, esistono anche altrettante bevande che, se ingerite, potrebbero causare ai nostri amici pelosi non pochi problemi; vediamo quali sono:

1) Latte e bevande zuccherate

In primo luogo, dovremmo sicuramente evitare di dare da bere al cane qualsiasi tipo di latte. Abbiamo già visto che potrebbe avere una qualche forma di intolleranza al lattosio. Similmente sarebbe meglio evitare bevande eccessivamente zuccherate (come i succhi di frutta) o gassate (soda e coca).

2) Alcool

Banalmente, anche gli alcolici non sono sicuramente un toccasana per il nostro amico. L’alcool è equiparabile a un veleno per gli animali, e le conseguenze vanno da vomito e diarrea fino a dispnea e morte.

3) Caffè e tè

Discorso simile vale anche per caffeina e teina.

Entrambe le sostanze ottengono lo stesso effetto energetico che hanno su di noi, e come ci sono persone che dopo una tazzina di caffè hanno la tachicardia e i sudori freddi, nei cani è una certezza che capiti. Ricordiamoci che sia il loro stomaco che il cuore sono più piccoli dei nostri e assolutamente non preparati a smaltire un simile apparto energetico. Anche con piccole quantità le conseguenze potrebbero essere gravi.  Se in casa con noi, oltre al cane, vivessero anche dei gatti, ricordiamoci che alcuni alimenti sono dannosi anche per loro!

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo su Facebook!

Potrebbe interessarti