Panoramica nuclei abitativi BoKlok costruiti in Finlandia

Il colosso dell’arredamento Ikea e la società di costruzioni Skanska, entrambe svedesi, hanno unito le forze e le competenze per fondare la BoKlok, una realtà che costruisce case smart, ecosostenibili e a prezzi accessibili.

Il progetto abitativo BoKlok

Ikea è leader dell’arredamento cheap, funzionale ed accattivante. Skanska è invece un’azienda specializzata nello sviluppo di costruzioni e progetti abitativi. L’idea di unirsi è nata nei primi anni ’90 per offrire, alle persone a basso e medio reddito, unità abitative di qualità, sostenibili dal punto di vista energetico e a basso costo.

Ad oggi la BoKlok ha costruito quasi 12.000 case in Svezia, Finlandia e Norvegia. Il concetto abitativo che promuove fonda le sue radici nella tipica architettura nordica, minimalista e lineare, unito ad un’attenzione particolare nella ricerca di materiali ecosostenibili. Inoltre, il sistema abitativo ideato cerca di creare spazi che favoriscano l’incontro e la complicità tra vicini. Infatti, ogni sito BoKlok ha il suo gruppo Facebook già durante la fase di costruzione così che poi per i residenti sia più facile fare amicizia, pianificare eventi, prendere oggetti in prestito od organizzare cene.

BoKlok sbarca in Inghilterra

Quest’anno l’azienda ha deciso di muoversi verso nuovi mercati scegliendo la Gran Bretagna. Proprio quest’estate ha firmato un accordo di collaborazione con il Council di Worthing, città inglese affacciata sulla Manica. La cittadina non è stata scelta a caso: qui le abitazioni costano circa 15 volte la retribuzione media nazionale. L’accordo firmato prevede la realizzazione di 162 case pre-assemblate in fabbrica volte a risanare, almeno in parte, la profonda crisi abitativa che i cittadini stanno vivendo. Di queste 45 saranno destinate all’edilizia sociale, diventando dunque case popolari. Le restanti saranno vendute a prezzi modici, calcolati in base al salario medio dell’area. L’idea è quella di concedere mutui a 25 anni, ipotizzando che gli acquirenti possano impegnare circa il 33% della propria retribuzione.

In cerca di terreni edificabili

Nonostante un progetto fallito, tentato durante la crisi finanziaria globale del 2008, l’azienda sembra puntare molto sul Regno Unito. La prossima città in cui è previsto un intervento è Bristol. La BoKlok ha creato un sito dedicato – BoKlok England – che si è aggiunto agli altri 3 (Sweden, Norway, Finland) sul quale esiste una pagina dedicata alla ricerca di terreni attraverso la quale i proprietari di lotti edificabili possono contattare direttamente l’azienda.

Il modello Ikea applicato all’edilizia

Com’è possibile costruire condomìni efficienti, ecosostenibili ed ampi mantenendo i prezzi bassi? Come accade per i prodotti del colosso svedese, il modello Ikea si ripropone anche nell’edilizia: queste case vengono prodotte, semi assemblate, trasportate e vendute dalla stessa azienda. Così come anche la scelta mirata dei materiali e delle forme che devono essere rispettivamente di facile lavorazione ed estremamente lineari per un processo industriale ridotto al minor numero possibile di passaggi. 

E in Italia?

Nonostante in Italia si parli da molto tempo di case prefabbricate marcate Ikea ad oggi non è ancora possibile trovarne e tanto meno acquistarne una. I progetti di case monofamiliari e di unità condominiali BoKlok sono stati presentati in diverse fiere del settore ma l’azienda ha preferito limitare geograficamente la propria azione, concentrandosi sul nord Europa. Le motivazioni sono da ricercare nella conformazione del nostro territorio, nella nostra tradizione architettonica e nel nostro particolare rapporto col mattone e con il concetto stesso di casa.

Foto in alto: Instagram BoKlok