I rubinetti per la casa: una guida tra design e stile di arredamento

rubinetti cucina

La rubinetteria è una parte molto funzionale della casa, e spesso non ci si interroga abbastanza sulla tipologia giusta da acquistare per dare carattere al bagno o alla cucina, o per completare lo stile generale. Come tutti i dettagli, infatti, i rubinetti di casa possono caratterizzarne lo stile, oppure passare inosservati, abbassando complessivamente la percezione di accuratezza dell’arredo.

Negli anni, anche i rubinetti sono diventati un elemento di composizione del design della casa; dallo stile ben definito e spesso anche ricercato, che unisce la funzionalità dell’oggetto con linee classiche o avveniristiche, sempre molto accurate.

Lo dimostrano le importantissime fiere di design del bagno e della ceramica, dove la rubinetteria occupa interi settori con varianti nelle possibilità di utilizzo e nello stile.

Come scegliere la rubinetteria

Prima di acquistare i rubinetti di bagno e cucina è importante capire alcune cose. Un rubinetto di qualità, nonostante il costo più alto, durerà nel tempo, in particolare rispetto al calcare che tende a intaccarlo e che è presente soprattutto in alcune zone d’Italia a causa delle tubature vecchie.

Bisogna poi fare attenzione che il modello del rubinetto sia adatto al tipo di lavandino. Se per la cucina è più semplice, perché si tratta di rubinetti alti e il lavandino è tendenzialmente standard, per il bagno è necessario fare molta più attenzione.

Il rubinetto va scelto lungo e alto abbastanza da consentire di lavare le mani, e deve far scorrere l’acqua in modo che non si producano schizzi.

Infine, è possibile scegliere tra molti modelli che hanno un differente grado di apertura con relativo rompigetto, garantendo risparmio dell’acqua e attenzione per l’ambiente.

Materiali

I materiali più diffusi per i lavandini sono acciaio, ottone, e rame; la resistenza del materiale al calcare è molto importante nella scelta del rubinetto.

L’acciaio è il materiale più indicato. È molto resistente, non viene intaccato facilmente dal calcare, anche perché è molto facile da pulire; quindi può essere manutenuto in modo semplice e rapido nelle normali pulizie della casa.

L’ottone è un materiale invece molto più intaccabile, e per questo meno indicato, anche se viene spesso scelto per il costo più basso all’acquisto.

Infine, il rame è un materiale poco indicato che si ossida molto facilmente. È però particolarmente apprezzato da chi sceglie di ricreare uno stile dal gusto classico e antico.

Tipo di appoggio

Il lavandino è comunemente installato attraverso l’appoggio diretto al lavandino. È la modalità più classica, e viene integrata nelle tubature standard della casa.

Lo stile può essere moderno o classico e se ne trovano di molte tipologie in circolazione.

Esiste però anche il rubinetto a parete. Si tratta di un tipo di appoggio molto moderno e particolarmente indicato per le case che devono sfruttare spazi ridotti, o per gli amanti degli elementi sospesi. Il rubinetto a parete va installato direttamente nel muro, tra le piastrelle; l’effetto è molto interessante e ricorda le fontane cittadine di pregio. Un vero gioiello per gli amanti del design innovativo.

Lo svantaggio di questo tipo di rubinetto è che richiede un montaggio più complicato e sicuramente più costoso, elemento di cui tenere conto al momento della scelta.

Flusso

Rispetto al tipo di flusso invece si può distinguere tra un flusso normale e quello a cascata. Quest’ultimo è un effetto dato dal tipo di erogazione; è molto scenografico e perfetto per completare il design di un bagno dallo stile esotico e rilassante.

Design

Il design della rubinetteria può essere molto vario. I modelli più in voga al momento sono quelli di stampo minimalista e moderno, dalle linee piatte e squadrate; danno il meglio se installati a incasso nella parete, e si associano facilmente a lavandini a ciotola di piccole dimensioni, quando installati in bagno.

Il rubinetto a collo di cigno è utilizzato principalmente in cucina, ma in bagno diventa immediatamente un elemento di stile che ricorda le vecchie stanze lavanderia e le scuole. È molto apprezzato con lavandino in ceramica dal gusto classico, ma con la praticità del moderno, quindi meno sporgente dal muro e più largo.

Miscelatore

Il miscelatore è un altro elemento che caratterizza il tipo di rubinetto. Con asta è più pratico e funzionale, mentre con le manopole a croce lo stile è decisamente vintage. Esiste anche il miscelatore automatico, che eroga acqua senza tocco grazie a un sensore.

È di grande effetto soprattutto nei rubinetti a parete, e sicuramente è anche molto igienico e più semplice da pulire rispetto agli altri tipi.

Colori

Per le case dallo stile country lo stile più apprezzato è quello della rubinetteria in rame, con design a collo di cigno e manopole classiche.

Per quanto riguarda invece gli amanti dello stile moderno, il colore è diventato un grande elemento con cui sperimentare e caratterizzare bagno e cucina. Il colore per la rubinetteria è infatti protettivo e può essere scelto per abbinamenti tono su tono con mobilio e pareti, o per creare contrasto: sia lucido per un design moderno e giocoso, sia opaco per un bagno o una cucina eleganti.

Potrebbe interessarti