Ristrutturazione

Dal 1° luglio è entrata in vigore la possibilità di usufruire di un superbonus del 110% su alcuni lavori di ristrutturazione nella propria abitazione. Tuttavia, molti sono ancora i dubbi che attanagliano i possibili fruitori del bonus.

Ci si è per esempio chiesti se fosse valido anche per l’istallazione di un condizionatore, oppure se fosse possibile includere le zanzariere per le finestre nella detrazione. Ora il dubbio principale è se sia retroattivo su lavori iniziati prima di luglio, cerchiamo di fare un po’ di chiarezza su questo punto!

Cos’è il superbonus 110%

Il superbonus al 110% è uno sconto in fattura su lavori di ristrutturazione dell’abitazione o del condominio di proprietà. È valido nel caso in cui vengano inclusi nei lavori degli interventi antisismici o di efficientamento energetico, detti lavori trainanti.

Il bonus è riscattabile dal privato che richiede i lavori e che potrà usufruire, quindi, di uno sconto sull’importo dovuto ai fornitori che lo incasseranno come credito d’imposta. In alternativa, si può cedere il credito ad un istituto terzo (come una banca, per esempio) che godrà a sua volta del credito d’imposta. La norme prevede anche alcune limitazioni sui richiedenti, nonché sui lavori effettuabili.

Il superbonus al 110% è retroattivo?

Tornando alla questione iniziale, ci si chiedeva se il superbonus fosse applicabile anche a lavori iniziati prima della sua entrata in vigore, il 1° luglio 2020. Per rispondere è necessario riferirsi al testo della norma. Si legge che il bonus riguarda le “spese documentate e rimase a carico del contribuente, sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021”.

Il punto, dunque, non sono i lavori iniziati da quella data, ma le “spese documentate”. Si potrebbe quindi ipotizzare che, se i lavori sono iniziati precedentemente ma le fatture sono state emesse dalla data del 1 luglio, il bonus sia del tutto usufruibile.

Tuttavia, è necessario specificare come le certezze a riguardo siano effettivamente poche e che occorrerebbe un chiarimento da parte dell’Agenzia delle Entrate. Ad oggi non è ancora giunta una risposta ufficiale, ma i presupposti per l’applicazione retroattiva ci sono tutti!

Leggi anche:

Bonus sulla prima casa: arrivano le nuove proroghe
Pavimenti per la casa: una breve panoramica
Ecobonus: le nuove regole per ristrutturare casa risparmiando