Come eliminare le macchie d’olio (e non solo) dai vestiti: i migliori metodi fai-da-te

Macchie olio

Tra gli incubi da affrontare, le macchie d’olio sono senza dubbio la cosa peggiore, ma non solo: macchie di fondotinta, erba, pennarello, cera, bruciature e chewing-gum sono alcune delle più difficili da trattare. Minacciano infatti di rovinare i nostri capi preferiti per sempre. Gli aloni poi sono la parte più complessa da rimuovere e, sfortunatamente, non sempre si riesce ad eliminarli in modo definitivo senza rovinare la stoffa.

Esistono metodi casalinghi efficaci in grado di rimuoverle del tutto, rendendo i tuoi capi perfetti e come nuovi. Sarebbe meglio agire il prima possibile per evitare che le varie sostanze penetrino a fondo nelle fibre del tessuto, ma non preoccuparti, perché a tutto c’è una soluzione.

Tempestività e ingredienti facili da reperire ti garantiranno un risultato sempre impeccabile, e risparmierai anche sulla lavanderia!

Scopriamo insieme i migliori metodi casalinghi per far sparire le macchie d’olio (e non solo):

Eliminare le macchie d’olio

1) Sale

Il sale è il metodo più utile e immediato per evitare che le macchie d’olio rimangano in modo permanete sui vestiti. Procurati della carta assorbente con cui strofinare direttamente il tessuto macchiato. Poi, versa una piccola quantità di sale sulla macchia d’olio e lascia agire per 5 minuti circa. Infine, poni il capo in una bacinella d’acqua tiepida, versaci del detersivo per piatti, e aspetta una mezz’oretta.

Concludi con un normale risciacquo.

2) Bicarbonato e aceto di vino bianco

Il bicarbonato di sodio con l’aggiunta di un cucchiaio di aceto di vino bianco farà scomparire totalmente le macchie d’olio dai vestiti. Basterà applicarne una piccola quantità a caldo direttamente sulla zona interessata, sfregando leggermente il tessuto. L’aceto di vino bianco, grazie ai suoi acidi naturali, non solo eliminerà le sostanze oleose dalle fibre, ma conferirà anche morbidezza ai tuoi indumenti.

macchie-olio-vestiti-bicarbonato-aceto-vino

3) Succo di limone

Il limone ha un forte potere sgrassante grazie all’acido citrico che contiene.

Procurati una fettina di limone o qualche cucchiaino del suo succo. Procedi strofinando la fetta di limone direttamente sulla macchia o versandovi il succo. Lascia agire per qualche minuto e poi riponi il capo all’interno di una bacinella d’acqua tiepida. Lascia in ammollo per una mezz’oretta ed, infine, procedi al normale lavaggio. Macchie d’olio addio!

4) Alcool o acetone

L’alcool a 90° è una delle soluzioni più efficaci contro le macchie di grasso e solo sui tessuti più resistenti. Dopo aver lasciato agire l’alcool qualche minuto, la macchia sarà completamente rimossa. Però, dal momento che i tessuti assorbono l’alcool, conviene lavare l’indumento con acqua e detersivo perché ritorni perfetto e profumato.

Alcol macchie olio vestiti

5) Borotalco

Uno dei più utili impieghi alternativi del talco in polvere è quello di utilizzarlo per eliminare il grasso dell’olio che penetra nei vestiti o in altre superfici. Per eliminare ogni traccia di sporco sarà sufficiente spargere una buona quantità di borotalco sulla zona interessata, lasciarlo agire per qualche minuto e poi spazzolarlo energicamente.

Borotalco macchie olio vestiti

Eliminare le macchie di fondotinta

6) Sapone di Marsiglia

Il sapone di Marsiglia è davvero efficace contro le macchie di fondotinta, sia sui tessuti sintetici che sulla seta. Crea una soluzione a base di sapone e acqua tiepida e tampona delicatamente la macchia.

Poi risciacqua con acqua fredda senza strizzare il capo. Infine, poni il capo in lavatrice per un normale lavaggio.

7) Latte detergente o alimentare

Che sia latte detergente o latte alimentare non è importante. Quello che conta è la sua capacità smacchiante soprattutto contro le macchie di fondotinta. Procurati un asciugamano da porre sotto il tessuto, in caso questo sia colorato, e versa delle gocce di latte sulla macchia. Lascia agire per qualche minuto, poi, senza risciacquare, metti il capo in lavatrice.

8) Aceto bianco, bicarbonato e ammoniaca per i capi resistenti

Una soluzione di aceto bianco e bicarbonato riuscirà ad eliminare le macchie di fondotinta, soprattutto quelli in polvere, dai capi più resistenti.

Basterà applicare a caldo una piccola quantità della tua soluzione, dopo averla fatta bollire, direttamente sulla macchia e attenderne l’asciugatura. Poi, metti il capo in lavatrice. Per quanto riguarda l’ammoniaca, invece, dopo esserti assicurato che il tuo capo sia altamente resistente, versane qualche goccia sulla macchia. Lascia agire qualche minuto, poi cospargi la zona con del borotalco e attendi una mezz’oretta. Infine rimuovi, con l’aiuto di una spazzolino, la polvere in eccesso e metti il capo in lavatrice per un normale lavaggio.

Eliminare le macchie d’erba

9) Acqua tiepida, alcool e ammoniaca

Se ti procuri una macchia d’erba su lana o seta, immergi il capo in una bacinella con 3 parti di acqua tiepida, 2 parti di alcool e 1 parte di ammoniaca. Dopo aver lasciato agire per circa mezz’ora, passa al risciacquo in acqua e aceto per poi procedere al lavaggio normale con acqua e detersivo delicato.

10) Miscela di glicerina e albume o aceto

Il metodo più diffuso ed efficace tra quelli casalinghi è una miscela al 50% a base di albume e glicerina.

 Strofina il composto sulla macchia e lascia agire per alcuni minuti. Poi elimina i residui sciacquando con acqua o latte freddo. Un altro rimedio molto efficace è l’aceto. Basterà lasciare gli abiti a mollo per una notte e la macchia svanirà. L’unico problema è che l’aceto è molto aggressivo quindi questa soluzione può essere utilizzata solo se l’abito macchiato è fatto in un tessuto resistente.

Togliere macchie d'erba

Eliminare le macchie di pennarello

11) Yogurt

Quando ti trovi di fronte a t-shirt o altri indumenti che presentano macchie di pennarello di colore non troppo scuro, allora puoi provare a eliminarle con lo yogurt naturale.

Procurati un batuffolo di cotone e versaci 1 cucchiaino di yogurt. Strofina energicamente sulla macchia fresca, tornando a impregnare il batuffolo di yogurt se noti che si è asciugato. Dopo aver effettuato questa operazione, ogni traccia di pennarello sparirà.

12) Alcool o acetone

Se a macchiarsi sono capi resistenti, come lenzuola o tovaglie, allora potrai affidarti ad alcool o acetone. Procurati della carta assorbente che servirà da spugna. Catturerà infatti sia il colore sia l’alcool o l’acetone in eccesso. Quindi poni la carta al di sotto del tessuto macchiato e versa alcune gocce di alcool, di gradazione superiore al 45%, o di acetone direttamente sulla macchia.

 Strofina delicatamente con un panno pulito finché non sarà completamente scomparsa senza lasciare aloni. Infine, metti il capo in lavatrice per un normale lavaggio.

13) Limone, latte e aceto

Se la macchia di pennarello si trova su tessuti delicati come seta, raso ma anche lana o tessuti sintetici, dovrai utilizzare prodotti più delicati. Versa del latte all’interno di una ciotola. Aggiungi 2 cucchiai di succo di limone e 2 cucchiai di aceto di vino. Miscela la soluzione e immergi una spugna, possibilmente incolore. Tampona la macchia di pennarello con la spugna umida, in modo energico ma senza strofinare.

Successivamente lava il capo in lavatrice, seguendo il programma adatto al tipo di tessuto.

Eliminare le macchie di cera

14) Trattamenti a caldo

Procurati un pentolino e una volta portata l’acqua a ebollizione, immergi il lembo di tessuto sporco di cera. Dopo circa 15 minuti i residui dovrebbero sciogliersi, ma se così non dovesse essere, ripeti l’immersione prima di procedere con il lavaggio abituale del capo. Potrai utilizzare anche il ferro da stiro con una carta velina. Appoggiando il ferro caldo sulla carta la cera si staccherà facilmente dai tessuti senza lasciare tracce.

15) Trattamenti a freddo

Se pensi che i tessuti siano troppo delicati per il metodo a caldo, puoi sempre optare per quello a freddo. Procurati un sacchetto di plastica e disponi all’interno i capi macchiati. Chiudi il sacchetto e riponilo in freezer. Dopo circa 12 ore, estrai il sacchetto e verifica che la cera si sia solidificata completamente. A questo punto, con l’aiuto di un coltello seghettato, raschia delicatamente. Questa tecnica è consigliabile solo con tessuti molto resistenti come jeans, lino e cotone pesante.

Eliminare le macchie di cera dalle scarpe

16) Sapone di Marsiglia o phon e carta velina

Per rimuovere gran parte della cera dalle scarpe di pelle, se impermeabili, passa il dorso di un cucchiaio e raschiala via.

Successivamente, prepara una soluzione composta da acqua e sapone di Marsiglia liquido e immergi un panno di cotone. Dopo averlo strizzato con forza, passalo sulla pelle delle scarpe e strofina fino a rimuovere ogni residuo. Prima di riporre le scarpe nella scatola, passa un panno pulito per asciugarle completamente e cospargile con un lucido apposito. Il discorso è diverso per la cera sulle scarpe di tela. In questo caso, la carta velina all’interno della scatola sarà la soluzione perfetta.

Disponi un pezzo sulla parte macchiata e scaldala con il phon. Premendo bene la cera aderirà alla carta e non lascerà residui.

Eliminare le macchie di bruciature

17) Ammoniaca e perossido di idrogeno

Prima di maneggiare il perossido di idrogeno e l’ammoniaca ed eliminare le macchie di bruciature, conviene indossare guanti di gomma e una mascherina protettiva, per evitare di inalare effluvi potenzialmente tossici. Con un contagocce versa in una boccetta di plastica 4-5 gocce di perossido di idrogeno e 6 di ammoniaca. Aggiungi qualche goccia di acqua ossigenata e altre 2 di ammoniaca e lascia agire il composto sulla macchia per circa 30 minuti, continuando nel frattempo ad aggiungere gocce di ciascun prodotto per mantenere la zona umida.

Risciacqua infine la piastra del ferro e metti il capo in lavatrice, lavandolo con sapone di Marsiglia liquido e candeggina.

18) Aceto di vino bianco

Un metodo alternativo, forse più semplice, prevede l’impiego di aceto di vino bianco distillato, da versare su un panno pulito, dopo aver strofinato il retro metallico del ferro da stiro.

Eliminare le macchie di chewing-gum

19) Olio di oliva

Uno dei peggiori incubi di chi porta i capelli lunghi è ritrovarcisi una gomma da masticare. Che fare?!

La soluzione più semplice è applicare sui capelli un impacco di olio d’oliva. Massaggia e lascia che l’olio penetri nella ciocca, e dopo circa 20 minuti rimuovi delicatamente i residui con un panno. Attenzione: non usare il phon per fare seccare la gomma da masticare; i capelli non sono tessuti, meglio far scivolare via il tutto con l’aiuto di un grasso naturale.

20) Ghiaccio

Contro la maledizione delle macchie di chewing-gum, il ghiaccio è un ottimo amuleto. Per rimuovere le gomme da scarpe o vestiti disponilo in una bustina e appoggialo sulla zona interessata. Dopo circa 10 minuti rimuovi la parte indurita.

Se lo spazio lo permette, puoi inserire il capo o la scarpa in un sacchetto e poi metterlo in freezer. Per i capelli invece, se non vuoi usare l’olio di oliva, puoi applicare dei cubetti di ghiaccio in bustina e aspettare che i residui della gomma si induriscano per poi rimuoverli con un pettinino a denti molto stretti, tipo quello per i pidocchi.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo su Facebook!

Potrebbe interessarti