Aloe: come coltivarla in casa

I benefici dell’aloe sono ormai ben noti: utile come integratore e depurante, questa pianta è ottima anche come stimolante del sistema immunitario in quanto contiene uno zucchero dalle proprietà antivirali, anti-infiammatorie e antitumorali: l’acemannano.

Non solo: l’aloe è considerato un “guaritore naturale” perché si usa anche per la cura di ferite e ustioni,ma anche per la bellezza della pelle, dei capelli e dei denti. Sarebbe quindi auspicabile averne sempre un vasetto in casa.

Ma tenerne una piantina in camera da letto (o nella stanza dei bambini) è un ulteriore vantaggio, in quanto permette di godere di un’atmosfera pura, priva di sostanze dannose e di respirare un’aria decisamente salubre.

Se volete cimentarvi nella coltivazione casalinga dell’aloe in vaso, basta seguire alcune semplici indicazioni.

Prima di tutto occorre munirsi di un esemplare di aloe (ma non uno qualsiasi come vedremo più avanti), un vaso, un sottovaso, un po’ di terriccio, un po’ di sabbia e dell’acqua non calcarea. E poi?Scopriamolo insieme:

L'articolo continua

Potrebbe interessarti