L’annaffiatura delle piante è un fattore estremamente cruciale per la buona riuscita di ogni tipo di coltivazione. La giusta quantità d’acqua permette alle piante di svilupparsi al meglio in ogni fase della crescita: se ricevono troppa acqua, possono subire danni a livello delle radici ma anche a livello del fusto e delle foglie.

D’altra parte, se ricevono troppa poca acqua rischiano di rinsecchire e morire in breve tempo. Durante i nostri periodi di assenza, il rischio di sbagliare e farle morire è ancora più elevato. Le piante continuano a necessitare la loro prima fonte di vita e, a meno che non abbiate amici o parenti disposti a venire a casa vostra a bagnarle, è necessario un sistema furbo ed economico per sostituirvi.

Ecco perciò alcune tecniche geniali per “abbeverare” le piante senza sprecare acqua. Queste soluzioni permettono di non irrigare manualmente piante da vaso e piante interrate, orto compreso, per giorni, permettendo di andare in vacanza o assentarsi per un weekend, senza dover chiedere ad amici e vicini di dare acqua alle piante.

Scopriamo insieme le 4 tecniche a impatto zero per annaffiare le piante: