come-creare-fertilizzante-naturale-bucce-di-cipolla

La cipolla è un ingrediente molto usato in cucina, eppure in pochi sanno che anche la buccia può tornare utile, specie nel giardinaggio. È semplicissimo creare con le bucce di cipolla un fertilizzante naturale in grado di rinvigorire le piante e dare loro tutti quei nutrienti necessari alla loro rigogliosa. Vediamo quindi insieme come creare questo fertilizzante naturale con le bucce di cipolla.

Creare un fertilizzante naturale con le bucce di cipolla: tutti i passaggi

In primis, iniziamo a mettere da parte le bucce della cipolla conservandole in una busta di carta (come quella del pane, per intenderci) dentro la credenza, al riparo da fonti di luce e calore.

Ne saranno sufficienti poco più di un pugno per creare il nostro fertilizzante naturale. Poi, prendiamo un contenitore con coperchio e inseriamo al suo interno le bucce della cipolla e un litro d’acqua fresca.

Lasciamo l’acqua e le bucce di cipolla a riposare per un giorno e una notte. Poi, è necessario prendere un altro contenitore e versare l’acqua con le cipolle filtrando con un panno sottile o con un crivello a trama fitta. Si dovrà poi versare questa “acqua alle cipolle” sulle piante, ma senza esagerare: un bicchiere per ogni pianta sarà più che sufficiente (valutate anche in base alle dimensioni della pianta).

Quando bagnare le piante con il fertilizzante a base di buccia di cipolla

Non è necessario bagnare le piante tutti i giorni con il fertilizzante a base di bucce di cipolla. Basterà annaffiare le piante con questo fertilizzante naturale una volta ogni 2/3 settimane per renderle più sane, rinvigorite e rigogliose.

Anche se le bucce di cipolle sono ricche di vitamine, soprattutto la vitamina C, e di oligoelementi, come zolfo, potassio, calcio e fosforo, come diceva il poeta latino Orazio “est modus in rebus“, per cui eccedere nella somministrazione di questo fertilizzante potrebbe anche nuocere alla pianta. Ovviamente, il discorso cambia se notate che le piante non stanno bene. In questo caso, potrebbe essere utile aiutarle con fertilizzanti naturali diversi nel corso della settimana.

Leggi anche:

Come creare 5 concimi naturali fai da te

Parassiti e afidi: 10 rimedi naturali per dire loro addio

Come capire di cosa ha bisogno la pianta osservando le sue foglie

Foto in alto: Shutterstock