potos-coltivare-moltiplicare

Il potos è una pianta rampicante estremamente diffusa e piuttosto semplice da coltivare. Richiede poche accortezze e cure, ma senza i giusti consigli il rischio di farlo morire è piuttosto alto. Appartiene alla famiglia delle aracee e ne esistono più di 50 specie differenti coltivate in diverse parti del mondo.

Le sue foglie sono a forma di cuore, verde pallido con delle caratteristiche macchie bianche o gialle al centro e sui bordi.

Scopriamo assieme come coltivare al meglio il potos e come fare per moltiplicare la pianta partendo dalle foglie!

Come coltivare il potos: acqua e posizione

La coltivazione del potos è piuttosto semplice ed è adatta anche a chi non ha il pollice verde o la passione per il giardinaggio. È una pianta piuttosto resistente e può rimanere senza acqua anche per una decina di giorni. Andrebbe annaffiato quando il terriccio è completamente secco, ricordandosi di non esagerare mai e di vaporizzare un po’ d’acqua anche sulle foglie.

Il potos non ha neppure particolari esigenze per quanto riguarda la posizione e l’esposizione alla luce. Può essere coltivato sia in casa che all’esterno durante le stagioni calde. Se decidessimo di tenerlo in casa, sarebbe opportuno tenerlo esposto alla luce del sole tenendo a mente che però perderà le macchie bianche sulle foglie. All’esterno, invece, non dovremo mai metterlo sotto i raggi diretti del sole preferendo posizioni ombreggiate.

Moltiplicare il potos in pochi passaggi

Una delle caratteristiche principali del potos è la sua capacità di moltiplicarsi semplicemente partendo dalle foglie. Così facendo, da una singola pianta, potremmo ottenerne sempre di più, comode per decorare casa o da regalare ad amici e parenti.

Per moltiplicare il potos potremmo sfruttare il momento della potatura. Basterà tagliare un’ampia porzione di un qualsiasi stelo, prediligendo quelli più recenti e allo stato vegetativo. Questo andrà poi posto in un bicchiere d’acqua fino a che non avrà sviluppato le radici. Dovremo solo controllarlo ogni tanto, sostituendo l’acqua se si sporca eccessivamente, per poi rinvasarlo quando le radici si sono sviluppate!

Leggi anche:

Qui puoi trovare 10 consigli per far rifiorire in modo semplice la tua orchidea

Indeciso sul vaso da acquistare per il tuo giardino? Qui trovi una semplice guida all’acquisto

Infine, qui trovi i migliori consigli per coltivare le rose in vaso