adattare-soggiorno-smartworking

Con la diffusione dello smart working, la casa diventa un ambiente domestico-lavorativo. Anche perché, soprattutto in città, non tutti hanno lo spazio per uno studio. Per questa ragione, gli architetti hanno cominciato a ripensare il concetto di spazio come unione di più ambienti. Esistono almeno 2 pratiche ed eleganti idee per rendere il soggiorno adatto allo smart working.

Sfruttare lo spazio accanto alle finestre o ai balconi

Il soggiorno rappresenta la zona “living” della casa, dove si guarda la tv e ci si rilassa sul divano concedendosi un po’ di relax e facendo conversazione.

All’occorrenza, però, è possibile ricavare uno spazio per attività di studio e lavoro. Basta introdurre una scrivania con libreria o con degli scaffali per adattare la zona living alle esigenze dello smart working vicino alla finestra o al balcone per ottimizzarne l’illuminazione. Questa idea non ha un costo troppo elevato ed è pratica ed elegante, adatta se il soggiorno è grande abbastanza.

Creare una scrivania in continuità con la parete

Un’altra soluzione per adattare il soggiorno allo smart working è quella di sfruttare la parete attrezzata del soggiorno prolungandola con una scrivania che si adatti ai suoi colori e al suo stile. Questo concept consente di unire pratica e gusto nel design ed è stata presentata ad un concorso di GoPillar, piattaforma online per i progetti architettonici a distanza dal designer Stefano Autiero. Come riporta Il Sole 24 Ore, il suo progetto prevede anche accanto alla scrivania un mobiletto contenitore provvisto di mensole: “Sono inoltre presenti due pendenti, posti in corrispondenza della scrivania, per permettere un ottimale flusso di luce di almeno 500 lux in caso di lettura o lavoro al pc“.

Leggi anche:

Boho chic: mobili, accessori e consigli per arredare la casa seguendo questo stile

10 consigli per arredare un open space sfruttando ogni spazio

Cos’è il Vastu, la disciplina che organizza la casa agevolando il benessere