lavatrice

Le nuove norme UE sugli elettrodomestici e sui dispositivi elettronici casalinghi hanno l’obbiettivo di educare i consumatori al loro uso ecologico e al risparmio, diminuendo gli sprechi e tentando di allungare la durata media di ogni dispositivo. Questi comportamenti, se rispettati, si trasformano in un doppio vantaggio per il consumatore. Per questi motivi diventa fondamentale ridurre al minimo i consumi e cercare di ottimizzarne l’utilizzo. Ma quali abitudini dobbiamo evitare per risparmiare qualche euro e per difendere la Terra?

Come usare correttamente il frigorifero

Il frigorifero è un elettrodomestico che utilizziamo quotidianamente e che resta accesso in modo costante. Si stima che in Italia questi apparecchi abbiano un consumo del 3,5% sul totale della corrente elettrica. Quindi, cos’è necessario fare per ridurre il più possibile i consumi? In primis, è indispensabile impostare una temperatura adeguata, in base alla stagione e al calore della stanza. La seconda accortezza per non farlo surriscaldare è quello di posizionarlo distante dal muro, almeno di 20 cm, e lontano da forno e termosifoni. Un trucco per risparmiare sui consumi è quello di posizionare delle bottiglie di acqua, in caso non fosse pieno di alimenti per alcuni giorni. Così facendo, i recipienti serviranno a mantenere la temperatura bassa e a ridurre i consumi.

Come risparmiare utilizzando la lavatrice

La lavatrice è uno tra gli elettrodomestici che consuma più energia elettrica ed acqua rispetto ad altri presenti in casa. Per questo motivo è consigliabile utilizzarla sempre a pieno carico e, quando è possibile, predisponendo il lavaggio con programmi ecologici. Anche la temperatura è un fattore decisivo per risparmiare qualche euro e per rispettare l’ambiente. Infatti, sono consigliabili i lavaggi a 30-40°C per i vestiti e a 50-60° per la biancheria, senza centrifughe troppo lunghe. L’ultima accortezza, ma non meno importante, è quella di prestare attenzione ai detersivi. Nel rispetto dell’ambiente e per una delicatezza maggiore per l’epidermide sarebbe meglio utilizzare detersivi fai da te, biodegradabili ed ecofriendly.

Controllare i prezzi del proprio fornitore

Oltre ai preziosi consigli elencati prima, per risparmiare davvero è necessario controllare accuratamente i prezzi del proprio fornitore dell’energia. Il parametro da tenere in considerazione è l’ora in cui si è soliti impiegare gli elettrodomestici e rapportarlo alle tariffe orarie del proprio contratto con il fornitore.

Spendere di più per risparmiare alla fine dell’anno

Utilizzare un dispositivo piuttosto vecchio ha lo svantaggio di essere poco performante, di non avere i programmi di risparmio ecologico, come il mezzo carico e il lavaggio a mano, e di consumare più del necessario. Quindi, in fase di acquisto di un nuovo dispositivo elettrico è necessario investire qualche euro in più, preferendo modelli ecofriendly che consentono di ridurre gli sprechi al minimo.