Lavastoviglie

Avere in cucina un elettrodomestico come la lavastoviglie è un vantaggio non irrilevante nella vita di chi, per lavoro o per altri motivi, è costretto a trascorrere molte ore fuori casa.

Riuscire a risparmiare un po’ di tempo con i lavori domestici per potersi dedicare al relax e alle proprie passioni è un lusso che proprio la lavastoviglie può regalare. Grazie a questa preziosa invenzione ideata nel lontano 1886 da Josephine Garis Cochrane in Illinois (USA), la qualità della nostra vita quotidiana può migliorare in maniera significativa, potendoci affidare a un elettrodomestico capace di lavare grandi quantità di piatti e stoviglie in fretta.

La lavastoviglie, che proprio quest’anno compie 130 anni, non solo permette di risparmiare tempo evitando di lavare a mano i piatti: è anche uno strumento decisamente ecologico e rispettoso dell’ambiente.

Con alcuni semplici accorgimenti, caricando la lavastoviglie correttamente e occupandosi regolarmente della sua manutenzione, è possibile risparmiare una gran quantità di energia e acqua.

Scopriamo come nel corso delle prossime pagine >>

8) I più leggeri in alto

I bicchieri, le tazze, le stoviglie più leggere e i contenitori di plastica dovrebbero sempre essere posizionati in alto. In particolare, i bicchieri e le tazze devono essere sistemati nel cestello superiore, i calici negli appositi supporti, le scodelle separate l’una dall’altra e mestoli, posate da portata, spatole e pinze appoggiati in posizione orizzontale fra tazze e bicchieri. Dal momento che i contenitori di plastica potrebbero deformarsi alle alte temperature, la soluzione migliore è quella di sistemarli nel cestello superiore.

lavastoviglie

L’articolo prosegue nella prossima pagina >>

7) Piatti e pentole in basso

I piatti e le pentole vanno invece disposti nel cestello inferiore, in posizione verticale nelle apposite rastrelliere. Per non ostacolare la rotazione del braccio lavante, è importante collocare vassoi, taglieri e piatti da portata nella parte più esterna del cestello o sul fondo, mai davanti allo sportello dove è posizionato l’erogatore del detersivo, un errore che si commette spesso.

piatti nella lavastoviglie

L’articolo prosegue nella prossima pagina >>

 6) Togliere i residui di cibo

Per evitare di otturare lo scarico e per mantenere il filtro pulito, prima di caricare la lavastoviglie è necessario togliere dai piatti qualsiasi residuo di cibo, senza lavare i piatti con il sapone. In caso contrario, gli enzimi del sapone potrebbero agire in maniera meno efficace rispetto alla loro potenzialità.

 

Piatti sporchi

L’articolo prosegue nella prossima pagina >>

5) Le posate nell’apposito cestello

Nella parte più bassa della lavastoviglie è posizionato il cestello per le posate, che devono essere inserite con i manici rivolti verso il basso, ad eccezione dei coltelli più appuntiti. Quando sono presenti tanti cucchiai, meglio alternare le posizioni all’interno del cestello per far sì che siano ben separati. Se invece la lavastoviglie è dotata di ripiano per le posate, è necessario allinearle una accanto all’altra senza sovrapporle.

posate

L’articolo prosegue nella prossima pagina >>

4) Non sovraccaricarla

Un errore che si commette spesso è di sovraccaricare la lavastoviglie. Il rischio che i piatti e le stoviglie non risultino ben puliti a fine lavaggio è alto, in questi casi. Altrettanto alto è il rischio di dover lavare nuovamente tutto una seconda volta: un vero spreco di tempo, acqua ed energia!

lavastoviglie

L’articolo prosegue nella prossima pagina >>

3) Controllare quello che si lava

Prima di caricare la lavastoviglie, è importante accertarsi che tutti gli oggetti siano lavabili al suo interno, soprattutto quelli di plastica, che dovrebbero essere contrassegnati da un simbolo specifico. L’icona che ne attesta l’idoneità, in genere, è composta da un quadratino con all’interno un piatto, due bicchieri e alcune goccioline d’acqua.

simboli lavastoviglie

 

2) Controllare i getti d’acqua e il sale

Prima di avviare il lavaggio della lavastoviglie, è necessario effettuare un altro controllo fondamentale, spesso sottovalutato: accertarsi che tutte le stoviglie da lavare siano esposte ai getti d’acqua. Costituendo infatti il 75% circa dell’azione pulente dell’elettrodomestico, agiscono in diverse fasi di sciacquo, lavaggio e risciacquo, a diverse temperature e potenze. Inoltre, bisogna verificare che la quantità di sale presente nella lavastoviglie sia sufficiente.

lavastoviglie

1) Verificare il corretto funzionamento dei bracci lavanti

Prima di avviare il lavaggio, è necessario inoltre verificare che i bracci lavanti girino liberamente. Molto importante: non gettare la tab (la pastiglia di detersivo) libera nella lavastoviglie perché si dissolve subito nel prelavaggio, ma inserirla nell’apposito vano: solo in questo modo il detergente sarà rilasciato al momento opportuno del ciclo. A questo punto, scegliere il ciclo più adatto: intensivo per sporco secco incrostato, normale per sporco quotidiano, rapido e eco per pochi oggetti non molto sporchi, delicato per cristalli e porcellane.

lavastoviglie

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Facebook con le tue amiche!