I trucchi per risparmiare gas ed energia elettrica mentre si cucina

Risparmiare energia in cucina

Cucinare e risparmiare gas ed energia elettrica è possibile! Infatti, grazie ad alcuni piccoli trucchi sarà possibile portare in tavola cibi gustosi e saporiti ottimizzando l’uso delle risorse energetiche con un occhio all’ambiente e al proprio portafoglio.

Come cucinare per risparmiare gas ed energia elettrica

Il primo trucco per risparmiare gas ed energia elettrica per cucinare è attraverso la cottura al vapore. Difatti, utilizzando la cottura a castello vi permetterà la preparazione contemporanea di più pietanze impiegando un unico fornello. Risulta praticamente inutile preriscaldare il forno elettrico, perché quelli moderni sono in grado di raggiungere la temperatura desiderata in pochissimo tempo.

Inoltre, è bene ricordarsi che mantengono la temperatura costante anche per 20 minuti una volta spenti; quindi è possibile spegnerli 10-20 minuti prima della cottura, risparmiando così energia.

Cosa cucinare per risparmiare gas ed energia elettrica

Nonostante le istruzioni presenti sulle confezioni di cous cous indichino di ricoprire i chicchi con acqua bollente, è possibile procedere utilizzando semplicemente dell’acqua fredda e si ammorbidirà ugualmente in tempi brevi e, anche nel caso si voglia gustarlo caldo, riscaldarlo in padella subito dopo richiederà il minimo uso di gas. Nel caso si vogliano preparare legumi essiccati, è consigliabile cucinare quelli che richiedono meno tempo di cottura come: lenticchie, ceci e piselli.

Oppure, per ridurre i tempi di preparazione, un trucco è quello di lasciarli a mollo anche per 24 ore oppure cuocerli con la pentola a pressione.  

Elettrodomestici di cui si può fare a meno per risparmiare gas ed energia in cucina

Nonostante tutte le case siano piene di elettrodomestici di varia natura, per risparmiare energia elettrica è consigliabile sostituire quelli comuni con classici e semplicissimi attrezzi manuali. Ad esempio, si potranno rispolverare dall’armadio il pestello, la grattugia a mano e il passaverdura a manovella, e se si possiede un macinacaffè, potrà essere utile per tritare i semi molto piccoli.

Per tritare pistacchi, pinoli, mandorle e noci, basterà avvolgerli in un tovagliolo in modo da formare un fagotto e pestarli su con un matterello, in sostituzione del mixer o del robot da cucina elettrico.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo su Facebook!

Leggi anche:

10 segreti per risparmiare rendendo il bucato ecologico ed economico

Come usare gli elettrodomestici per risparmiare e rispettare l’ambiente

5 rimedi della nonna per risparmiare tempo e denaro

Pubblicità

Potrebbe interessarti