Acari e cimici: come capire se sono nel letto e come sbarazzarsene

materasso con acari

Tra le lenzuola dei nostri letti vivono in media 1,5 milioni di acari e cimici. Questi insetti si cibano delle cellule della pelle morte e proliferano negli ambienti umidi e caldi. Se presenti in grosse quantità, questi fastidiosi insetti possono provocare reazioni serie al nostro corpo, dalle irritazioni delle vie respiratorie a vere e proprie crisi d’asma, passando per altri problemi di tipo dermatologico.

Invece, le cimici da letto sono dei piccolissimi parassiti ematofagi che si nutrono di sangue umano o di altri mammiferi a sangue caldo. Non sono parassiti legati alla sporcizia. A differenza degli scarafaggi, possono nascere e vivere anche in ambienti puliti e curati.

Eliminarli non solo è possibile, ma anche facile. Farlo in maniera naturale lo è ancora di più. Non servono prodotti troppo aggressivi o detergenti chimici: con pochi e semplici ingredienti, facilmente reperibili in casa, si possono scacciare acari e cimici, rendendo la tua camera da letto e la tua casa sane e confortevoli.

Vediamo insieme 10 modi per riconoscere gli acari e le cimici e come sbarazzarsene:

1) Arieggiare il letto il più possibile

Gli acari proliferano negli ambienti umidi, scuri e ricchi delle sostanze di cui si nutrono, come ad esempio le cellule morte del corpo.

Per contrastarli, è necessario quindi alterare il loro habitat naturale, arieggiando il più possibile la stanza e il letto, evitando di rifarlo appena svegli. Durante questa operazione, è necessario tirare le coperte e le lenzuola ai piedi del letto, per lasciare che il materasso assorba aria e luce.

acari e cimici: arieggiare il letto

2) Pulizia profonda

Il bicarbonato di sodio si rivela ancora una volta un grandissimo alleato casalingo: i suoi cristalli sono in grado di eliminare gli acari e la maggior parte delle loro uova in pochissimo tempo e funzionano da inibitori nello sviluppo dei parassiti. Come applicarlo? Niente di più semplice!

Dopo aver rimosso le lenzuola e il coprimaterasso dal letto, cospargi il materasso con 3 cucchiai di bicarbonato. I risultati dovrebbero arrivare dopo appena due ore. Per ultima cosa, rimuovi la polvere in eccesso con l’aspirapolvere.

acari e cimici: pulizia materasso

3) Profumare il materasso

Dopo aver eliminato gli acari, puoi dare al tuo materasso un profumo intenso e gradevole con un rimedio naturale a base di essenza di eucalipto e olio essenziale della pianta di tè, oppure con olio di neem misto ad acqua, o ancora utilizzando oli essenziali di lavanda e menta. Per l’applicazione basta immergere un panno in acqua tiepida e versarci sopra qualche goccia delle essenze prescelte, o versare il composto in un contenitore spray.

Successivamente, passa il panno su tutta la superficie del materasso (lati compresi), o vaporizza il composto, e lascia asciugare bene prima di rifare il letto. Applicando il trattamento almeno una volta al mese, potrai eliminare gran parte degli acari ed evitare altre presenze sgradite.

4) Due rimedi della nonna

Ancora una volta le nostre nonne sembrano saperla più lunga di noi, e ci vengono in aiuto con 2 rimedi che sembrano essere particolarmente efficaci. Il primo è disporre delle scaglie di sapone sul materasso. Il secondo è spalmare della vaselina sui piedi della struttura del letto.

 In questo caso, le cimici in particolare (che non volano e non saltano) non riusciranno a salirci.

5) Prevenire l’infestazione di acari e cimici

Per prevenire un’infestazione di acari e cimici da letto è necessario in primis controllare accuratamente e periodicamente materassi, doghe, fessure di muri, armadi o pavimenti e qualsiasi altro piccolo spazio. Se hai acquistato mobili, divani o oggetti usati analizzali scrupolosamente prima di portarli a casa. Un’altra buona abitudine per la prevenzione è passare l’aspirapolvere sul materasso ogni volta che si cambiano le lenzuola o almeno una volta al mese.

acari e cimici: prevenire l'infestazione

6) Trattamenti disinfestanti fai-da-te

Una volta individuata l’infestazione, è fondamentale lavare lenzuola e pigiami ad alte temperature. Un altro modo per scongiurare il rischio che questi sgraditi ospiti si ripresentino è quello di mettere le lenzuola e i capi infetti in freezer per 24 ore, prima di passare al lavaggio in lavatrice. Se disponi di un’asciugatrice, utilizzala pure ad alte temperature per almeno 20 minuti.

7) Disinfestazione professionale 

Se la casa è infestata e i rimedi precedenti non hanno dato un risultato definitivo, ahimè l’unica soluzione è rivolgersi ad una ditta specializzata. Il trattamento consiste principalmente nell’utilizzo di insetticidi professionali e nell’uso di un particolare strumento portatile in grado di riscaldare gli ambienti ad una temperatura superiore ai 50 gradi, letale per i parassiti in questione.

Finora abbiamo elencato i rimedi più efficaci per sbarazzarsi di acari e cimici da letto, restituendo alle nostre case un’atmosfera sana e vivibile. Ma sai come riconoscere le cimici, le relative punture e come curarle? Continua a leggere per scoprire come:

8) Come riconoscere le cimici da letto

segni d’infestazione maggiori sono le tracce di esuvie (il rivestimento del loro corpo), frammenti corporei, cimici morte o uova, visibili soprattutto nei principali posti nei quali si sono annidate.

È possibile accorgersi di un’infestazione anche sulla base di macchie fecali di colore nerastro/marroncino, che si trovano soprattutto nelle cuciture di materassi, divani, sulle doghe in legno o dove si nascondono di solito. Pare poi che la loro presenza massiccia diffonda nell’ambiente circostante un odore dolciastro.

acari e cimici: come riconoscerli

9) Come riconoscere le punture

Le punture delle cimici si manifestano sulla pelle con dei piccoli punti rossi simili ai morsi di zanzara e causano prurito. Le punture generalmente non vengono percepite sul momento, perché la loro saliva contiene sostanze anestetiche. Il prurito, il colore e la comparsa di punture varia da persona a persona, solitamente le parti più a rischio sono quelle scoperte: collo, mani, braccia, viso.

 Non trasmettono malattie ma in alcuni casi possono provocare reazioni allergiche o infezioni, soprattutto se ripetute. In questo caso è consigliabile rivolgersi a un medico.

acari e cimici: punture

10) Come trattare le punture delle cimici

Di solito il prurito e le macchie scompaiono da sole dopo 1 o 2 settimane. Per i soggetti più sensibili però potrebbe essere necessario l’uso di pomate a base di corticosteroidi, potenti antinfiammatori da utilizzare con cautela e solo in caso di necessità. Per i soggetti allergici, dopo un’attenta supervisione medica, sono disponibili antistaminici ad uso orale.

Ti è stato utile questo articolo? Allora condividilo su Facebook!

Potrebbe interessarti