Le nuove misure del governo cinese preoccupano i merc

Arieggiare bene la propria casa è importante per allontanare il pericolo di muffe e di cattivi odori. La qualità dell’aria diminuisce quando i livelli di anidrite carbonica sono troppo alti. Una giusta areazione permette, quindi, di vivere al meglio la propria abitazione senza incorrere in problematiche per la salute o nella permanenza in casa di cattivi odori.

Alle volte, però, alcuni locali di un immobile non si riescono ad areare facilmente.

Si tratta, a esempio, di ripostigli o di bagni di servizio. In particolare quest’ultimo locale, spesso, non è servito da finestre. Proprio per questa caratteristica intrinseca, al suo interno, possono persistere dei cattivi odori.

Ma anche i bagni senza finestre possono essere profumati in modo creativo con alcuni piccoli accorgimenti fai da te.

Bagno senza finestre: assorbi odori naturali

Per areare un bagno senza finestre, spesso, vengono montate delle ventole motorizzate ad hoc. Ma profumare questi locali dalle caratteristiche complicate, non è sempre così facile. Si possono creare dei profumatori appositi fai da te.

Il bicarbonato può essere trasformato in un profumatore d’ambiente. Questo particolare elemento riesce ad assorbire l’odore e può essere posto in un recipiente apposito nel locale da profumare. Per svolgere anche la funzione di profumazione di un bagno senza finestre, si può mescolare a questa sostanza qualche goccia di olio essenziale profumato. Il bicarbonato di sodio può diventare anche un profumatore spray, basta allungarlo con acqua, oltre all’olio essenziale dalla fragranza preferita.

Un altro elemento che svolge la stessa funzione di assorbimento degli odori è il sale.

Profumatori fai da te per un bagno senza finestre

Per togliere gli odori da un bagno senza finestre esistono dei metodi naturali. Ma anche per profumare questo particolare locale si possono creare dei deodoranti creativi. Il bicarbonato, mescolato ad acqua e agli oli essenziali nella giusta misura crea un composto che può essere versato in appositi stampi. Da questo procedimento nascono delle vere e proprie pastiglie profumate da porre in bagno.

Anche la stessa carta igienica può essere utilizzata come diffusore di profumo. Basterà porre delle gocce di essenza nel cartoncino di questo elemento fondamentale. Da qui si propagherà la fragranza in tutto il bagno senza finestre. Un diffusore fai da te si può creare anche dall’essicazione di petali di rosa. Questi, posti sott’olio di oliva in un barattolo per cinque giorni, creano un liquido che, se filtrato, è un vero è proprio olio essenziale da diffondere, attraverso appositi bastoncini.

Infine un altro classico metodo di profumazione è quello del pot-pourri. Posti in un bagno senza finestre, riusciranno a profumare tutto l’ambiente.

Leggi anche:

Candele profumate: come utilizzarle al meglio seguendo pochi consigli

10 idee originali per riutilizzare i barattoli in vetro vuoti

Come arredare un bagno piccolo: idee salva spazio e funzionali

Foto in alto: Pixabay