Collutorio fai-da-te con ciuffi di carote: come prepararlo in pochi minuti

collutorio-fai-da-te-ciuffi-carote

I ciuffi delle carote finiscono spesso nell’immondizia. Niente di più sbagliato! In realtà, se ancora freschi e verdi, sono commestibili, ottimi in insalata o come erbette per la frittata. Sono perfetti anche per alimentare la compostiera perché ricchi di vitamine e minerali. Oggi però vi sveliamo anche un altro segreto: i ciuffi delle carote possono essere utilizzati per la preparazione di un collutorio fai-da-te a costo zero!

Le proprietà dei ciuffi delle carote

Dopo aver acquistato le carote al mercato, spesso per prima cosa leviamo i ciuffi e li gettiamo nella spazzatura. Così facendo commettiamo un grave errore. I ciuffi delle carote infatti sono ricchi di proteine e sali minerali, in particolare potassio e magnesio.

Ma la cosa più sconvolgente è che contengono 6 volte più vitamina C rispetto alla parte arancione di questo ortaggio a radice. Un ottimo motivo per smettere di buttarli.

Potete utilizzarli subito, quando sono ancora belli freschi, come erbetta da insalata o come ingrediente per una frittata. Se sono ormai appassiti potete usarli per il compost tagliandoli finemente. Se invece volete prendervi cura della vostra bocca in modo naturale, ecco la ricetta veloce facilissima per preparare un collutorio fai-da-te con i ciuffi delle carote.

Come preparare il collutorio fai-da-te con i ciuffi di carote

Il procedimento è davvero semplice.

Vi basterà mettere i ciuffi in una pentola con dell’acqua fredda. Accendete il fuoco e lasciate bollire per qualche minuto, fino a quando l’acqua non avrà preso un colore leggermente verde-giallo. Spegnete il fornello e lasciate raffreddare il liquido nella pentola. Una volta raggiunta la temperatura ambiente, eliminate i ciuffi, trasferitelo in un contenitore di vetro e riponetelo in frigo.

Questo collutorio fai-da-te è particolarmente indicato per chi ha gengive infiammate e sanguinanti. Ovviamente, in caso di problemi molto gravi, è meglio rivolgersi a un dentista ma se soffrite di fastidi lievi, questo è un vero toccasana.

Potete usarlo per fare dei risciacqui ad ogni lavaggio. Dopo l’uso, ricordatevi di riporlo in frigo, dove potrà essere conservato per 4-5 giorni.

Leggi anche

Acqua di cottura: 10 modi per riutilizzarla senza sprecare

Buccia d’arancia: quante cose puoi farci invece di buttarla?

Anche i gusci delle uova possono essere riutilizzati? Scopri come

Pubblicità

Potrebbe interessarti